HOME PAGE
L'Associazione Associati Nad Ufficio stampa Nad Pubblicazioni Nad Sponsor Nad Contatta Nad

AREA RISERVATA
SOCI
Username 
Password

www.aideco.it
PRENOTAZIONI
PRENOTAZIONI
CODICE ETICO DELL’ASSOCIAZIONE NAD

1) ASSOCIAZIONE E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
L’associazione dovrà curare la crescita della professionalità delle imprese dei demolitori in modo che queste siano in grado di rispondere alle esigenze della collettività e di avvicinare i loro scopi aziendali con quelli della società civile.

• L’associazione, quindi, detta i principi che devono guidare il rapporto tra le imprese di demolizione e la P.A. al fine di tutelare gli interessi della collettività e quindi di carattere generale.

• In caso di calamità naturali e chiamate urgenti dipendenti da qualsiasi evento di carattere oggettivo l’associazione collaborerà con la pubblica amministrazione al fine di assicurare un adeguato supporto, sia sotto il profilo tecnico che operativo, alle attività di demolizione.

• Spetterà all’associazione il potere di coordinare e sovrintendere all’azione delle imprese associate al fine di dare il migliore supporto possibile nei casi di urgenza sopra considerati.

• L’associazione si attiverà al fine di instaurare un rapporto di dialogo ed al fine di garantire la massima collaborazione possibile con la P.A. , con gli enti o comunque con le amministrazioni dello stato per coordinare e promuovere le attività di demolizione. Ciò anche al fine di scegliere le migliori soluzioni tecniche possibili ed esistenti allo stato dell’arte, ponendosi in tal modo come punto di riferimento e coordinamento delle attività di demolizione che ricoprono interessi di carattere generale.

2) DEMOLIZIONI E QUALITA’

L’associazione studierà, con la partecipazione degli associati attraverso gli organi tecnici dell’ente, le soluzioni migliori e più aggiornate per la attività di demolizione in modo tale da garantire la qualità delle attività dei propri associati.

• In tale cornice l’associazione collaborerà ed offrirà il proprio contributo ad ogni iniziativa volta allo studio ed alla ricerca dei processi di realizzazione delle opere di demolizione in modo da prefigurare un percorso tecnico, che garantisca la qualità dell’opera di demolizione, la sua sicurezza e il rispetto della disciplina ambientale.

• L’associazione provvederà al proprio interno una classificazione tra le imprese di demolizione che tenga conto della professionalità delle aziende sia sotto il profilo soggettivo che sotto quello oggettivo.

• In tale quadro l’associazione dovrà attivarsi presso le istituzioni competenti affinché le linee di indirizzo tecnico-qualitativo da essa tracciate siano recepite o, comunque, ottengano un riconoscimento a livello legislativo sia interno che europeo.

• L’associazione si farà promotrice delle iniziative utili per l'adozione a livello legislativo di un sistema di qualificazione e certificazione delle imprese di demolizione che sia compatibile e coordinato con quello previsto dalla direttiva CEE 93/37 e con il sistema di qualità ISO 9000 e 14000, VISION 2000 e successive modifiche.

3) DEMOLIZIONI E FORMAZIONE

• Le imprese associate dovranno compiere attività di formazione ed aggiornamento a favore dei propri dipendenti con carattere periodico.

• Le imprese associate dovranno istituire dei corsi e delle sedute di formazione del proprio personale, la cui gestione ed organizzazione potrà essere affidata, a discrezione delle associate stesse, al NAD.

• In ogni caso le imprese associate si impegnano a vigilare affinché i macchinari e le attrezzature necessarie per svolgere l’attività di demolizione vengano utilizzati dai dipendenti delle associate con gradualità. In modo che le attrezzature ed i macchinari più rilevanti e che richiedono le maggiori conoscenze tecniche siano utilizzate solo dopo che i dipendenti abbiano maturato una significativa esperienza.

• Le imprese associate dovranno utilizzare solo maestranze regolarmente assunte ed essere in regola con gli obblighi contributivi e assistenziali inerenti ai dipendenti utilizzati.

4) DEMOLIZIONI ED AMBIENTE

• L’associazione si impegna, in linea con gli indirizzi di matrice europea e con quelli dell’EDA, a studiare e promuovere l'adozione delle misure per salvaguardare e tutelare le condizioni dei lavoratori impiegati nelle attività di demolizione, perseguendo le soluzioni che consentono il contenimento del rumore e delle vibrazioni derivanti dalle attività svolte e la creazione delle migliori condizioni di sicurezza, con particolare riguardo all’abbattimento delle polveri.

• L’associazione studierà una linea di indirizzo dell’attività di gestione del rifiuto proveniente dalla demolizione, che consenta di riciclare il maggior quantitativo possibile di materiale di risulta e consenta l’adozione di modalità esecutive tali da garantire la demolizione selettiva in sicurezza.

5) DEMOLITORI E MARCHI

• Le imprese associate potranno utilizzare liberamente e gratuitamente il marchio depositato dall’associazione nelle forme e secondo le modalità prescritte dalla associazione medesima.

• Nessuna impresa potrà concedere a terzi l’utilizzo del marchio il quale, quindi, potrà distinguere solo ed esclusivamente la attività delle imprese associate.

• L’iscrizione al NAD non darà alcun diritto agli associati di utilizzo del marchio della associazione europea pur essendo il NAD affiliato alla stessa. Quindi per godere dei benefici derivanti dall’associazione europea dei demolitori EDA e per poter utilizzare detto marchio l’impresa associata dovrà iscriversi alla stessa e soggiacere al suo regolamento ed alla sua disciplina.

• L’associazione dovrà attivarsi per promuovere il marchio NAD presso la P.A. gli enti pubblici in generale sia statali che locali in modo tale da far acquistare visibilità alla associazione ed alle imprese associate e perché il marchio NAD identifichi e distingua sul mercato un servizio e delle prestazioni da parte delle imprese associate di qualità, serietà, professionalità e sicurezza.

6) DEMOLIZIONI E CONTABILITA’

L’associazione si attiverà presso le competenti sedi istituzionali affinché:

• il corrispettivo dell’attività di demolizione sia valutato a corpo per le strutture o edifici fuori terra e in ogni caso misurabile;
• per le attività di demolizione entro terra siano privilegiati i sistemi di contabilizzazione a misura;
• per gli smaltimenti di inerti e dei rifiuti prodotti dal cantiere (R.S.U., speciali, pericolosi, non pericolosi) sia privilegiata l'unità di misura dell’Euro/t.

  Copyright © 2006 Nad. Tutti i diritti sono riservati. realized by Creacomunicazioni.it